Sociale, Rizzotto: “Sostegno ai Vigili del Fuoco discontinui e volontari operativi in Veneto”

Venezia 6 aprile 2017 – La capogruppo in Consiglio regionale di Zaia Presidente, Silvia Rizzotto, sostiene che “nell’ambito del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, i volontari rappresentano una risorsa di significativa importanza, in quanto concorrono alla tutela della cittadinanza e del territorio, garantendo un contributo imprescindibile nella gestione delle situazioni emergenziali”.

“In Veneto – spiega la consigliera – operano più di 1000 volontari dei Vigili del Fuoco, dislocati in 38 distaccamenti dei vari Comandi provinciali. Una rete di volontariato che è in grado di garantire risposte celeri in caso di emergenza, anche per effetto di un forte legame con il territorio di riferimento. Purtroppo, lo Stato sembra non comprenderne il valore e l’importanza, non destinando loro adeguate risorse per la formazione e l’acquisizione di mezzi e dotazioni tecniche. Devono spesso elemosinare contributi da parte degli Enti Locali del territorio interessato per poter continuare a prestare servizio”.

“Per fare un esempio recente – ricorda Rizzotto – il distaccamento dei Volontari dei Vigili del Fuoco di Asolo ha chiesto ai 12 comuni del territorio di loro competenza di convenzionarsi tra loro per poter garantire un contributo, parametrato sul numero di abitanti, in modo da poter avere disponibilità per l’acquisto di materiale e per la copertura delle spese di distaccamento”.

“Anche per questi motivi – osserva la capogruppo di Zaia Presidente – ho presentato un Progetto di Legge che mira a sostenere e valorizzare il personale dei distaccamenti volontari del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco operativi nella Regione Veneto; in questo Progetto di Legge, si prevede lo stanziamento di risorse finalizzate a sostenere l’acquisto di mezzi e dotazioni tecniche per i Vigili del Fuoco Volontari, nonché a garantire l’attivazione di corsi di formazione per l’acquisizione di nuove competenze. Le risorse a disposizione della Regione sono infatti sempre più limitate, mentre le istanze provenienti dal territorio sempre maggiori, e troppo spesso dobbiamo farci carico di intervenire anche dove dovrebbe essere lo Stato a farlo, pur di migliorare i servizi per i nostri cittadini”.

“In questo caso – puntualizza la consigliera regionale – si parla di sicurezza, di tutela della cittadinanza e del territorio, e la presenza di questi volontari che, con competenza e professionalità, prestano servizio nel nostro territorio, va sostenuta e valorizzata”.

“Ieri in Consiglio regionale – rammenta Rizzotto – abbiamo approvato, inoltre, all’unanimità, una mozione che chiede al Governo di aumentare gli organici dei Vigili del Fuoco effettivi, permettendo al personale discontinuo di avere una stabilità lavorativa, dopo diversi anni di precariato. L’amministrazione centrale, quando redige i bandi per incrementare gli organici, dovrebbe tener conto della presenza nel territorio di personale già formato e preparato. Sono professionalità che vengono richiamate in servizio per brevi periodi , al fine di colmare le carenze di organico, ma che garantiscono l’operatività dei comandi provinciali integrando le squadre di intervento”.

“Sotto questo aspetto – conclude Silvia Rizzotto – il Veneto si farà promotore e parte attiva per coinvolgere anche le altre Assemblee regionali nel fare pressing sul Governo. La situazione attuale, anche dei Comandi provinciali effettivi, non è rosea: mezzi datati ed insufficienti, età’ media del personale in servizio effettivo sempre più alta, stipendi inadeguati. E’ triste pensare che ci si ricorda di loro, con grandi proclami e ringraziamenti, solo quando ci sono calamità ed emergenze, mentre sarebbe ora che il Governo si impegnasse con fatti concreti, sostenendo e valorizzando il lavoro anche dei Vigili del Fuoco”.

 

 

 

 

Catalogato in News e taggato , , , . Salva il link permanente.

I commenti sono chiusi.